Quando il corpo è troppo

Si può pensare che questo vissuto sia presente prevalentemente nelle persone in sovrappeso o con obesità. La cosa non è così, il troppo, il sentirsi di essere troppo grossa è un vissuto che è fondamentalmente presente all’interno dell’anoressia. Anche se in modo paradossale, su questo punto l’anoressia e l’obesità si incontrano.


Le differenze tra anoressia e obesità 

Se nell’anoressia la percezione di essere troppa è sempre presente, nell’obesità non è sempre così. Nell’obesità ci possono essere dei periodi (più o meno prolungati) in cui la paziente non si percepisce, può dilatare il suo volume corporeo, ma non se lo pone come un problema.
Questo vissuto è semplicemente impossibile nell’anoressia, dove l’essere troppo è ciò che ossessione la mente di queste pazienti.


Nell’anoressia 

Una persona è anoressica non solo perché ha un corpo denutrito ed estremamente magro, ma lo è sopratutto perché una  pensa in modo anoressico. Nell’anoressia il corpo è troppo è insopportabilmente troppo, e inizia una guerra per far si che il corpo diventi meno. Le motivazioni possono essere le più diverse e spesso poco razionali. Molto spesso nell’anoressia c’è un confronto con altre persone di cui si DEVE essere più magre.

 

Nell’obesità 

Il troppo è evidente agli altri, ma non sempre quando il corpo si dilata, la paziente se ne rende conto, o se ne preoccupa. Però arriva un momento in cui si avverrete il corpo la dilatazione del corpo, e quel corpo diventa intollerabile, le masse che si muovono diventano qualcosa da eliminare. Però raramente la persona obesa è in grado di seguire una dieta corretta, perché il cibo è diventata per lei non solo cibo, e il cibo deve essere mangiato in grandi quantità, perché il mangiare (o abbuffarsi) da un godimento irrinunciabile.

Chi vuole capire di più rispetto al pensiero che porta al troppo può cliccare qui

Lascia un Commento