La consulenza nei disturbi del sonno dei bambini

Molte sono le domande che ricevo ogni settimana, e spesso tali domande sono complesse, e implicano la conoscenza della storia famigliare. La consulenza online può essere un valido strumento per approfondire le situazioni che creano difficoltà, e poter ricevere delle indicazioni specifiche sul proprio problema.

Come capire se è necessaria la consulenza

Innanzi tutto è bene sapere che rispondo alle domande fatte sugli articoli, e alle domande che mi vengono poste via mail. Quando la domanda apre all’approfondimento della situazione, all’entrare nello specifico del problema, allora la semplice risposta scritta (nel blog o via mail) non può essere un indicazione sufficiente. Se la complessità e cronicità del problema necessita di capire la storia di come si è formato il disturbo, e approfondire le difficoltà o impotenze che i genitori vivono, allora in quel caso la consulenza può essere lo strumento più indicato.

Cosa si può ottenere dalla consulenza

Innanzi tutto è possibile circoscrivere il problema, approfondire le domande che i genitori hanno. Ma soprattutto, esplorando la situazione, si possono mettere a punto delle indicazioni OPERATIVE, per cercare di cambiare la situazione problematica. La consulenza permette di capire se il problema del bambino è inerente a delle cattive abitudini comportamentali. Permette di valutare la situazione della dinamica famigliare o sociale. Tramite la consulenza si valutano anche la possibilità che il bambino sia stato esposto a traumi di cui i genitori non sono a conoscenza. 

La consulenza online

Le domande che ricevo dalle mamme o dai papà arrivano da persone che vivono nelle diverse regioni d’Italia. Le consulenze tramite Skype mi permettono di fare un colloquio come se si fosse in presenza, non ci sono limiti nell’approfondire le tematiche e ricevere i consigli che si necessita di avere. Si ha quindi la possibilità di avere l’aiuto dello specialista senza muoversi da casa.

Non ci sono metodi standard

Per aiutare i bambini a dormire da soli non ci sono metodi standard. Tramite la consulenza è possibile alleggerire la pressione psicologica dei genitori, e approfondendo lo specifico della problematica, si possono ritagliare quelle indicazioni che possono essere più utili per la   situazione che il bambino e la famiglia stanno vivendo.

Lascia un Commento