Go to Top

Le mie Attività di Cura

11820987-una-nota-con-messaggio-scritto-a-mano-prendersi-cura-per-i-concetti

La mia attività di cura si articola su tre differenti aree di intervento:

  1. La Psicologia degli Adulti
  2. La Psicologia dell’Adolescenza
  3. La Psicologia dell’Infanzia

Ogni area di intervento viene da me trattata secondo due ambiti: quello della Consulenza e quello della Psicoterapia

La CONSULENZA è una modalità di incontro Psicologico che mira alla chiarificazione delle problematiche portate dal paziente, attraverso la Consulenza si possono mettere a punto le indicazioni per un percorso di cura (Psicoterapia), oppure si possono ottenere quelle indicazioni che possono aiutare a cambiare quei comportamenti, atteggiamenti e modalità relazionali che vanno ad alimentare le problematiche portate dal paziente.

La PSICOTERAPIA è una modalità di intervento Psicologico che a seconda delle metodologie utilizzate permette di affrontare, elaborare e risolvere le sofferenze portate dal paziente. Ciò che va evidenziato è che per ogni tipo di sofferenza va trovata la giusta modalità di affrontarla, tale modalità deve tenere conto sia del “giudizio” clinico e sia della “richiesta” e delle “disponibilità” del paziente.

 

LE AREE DI INTERVENTO

Psicologia degli Adulti:

Il mio lavoro in quest’area clinica riguarda la diagnosi e il trattamento di diverse forme di disturbo Psicologico come:

L’ansia, Attacchi di Panico, Depressione, Disturbi dell’Alimentazione, Disturbi della sfera Sessuale, Disturbi Psicosomatici.

Per trattare questi tipi di problematiche io utilizzo due modalità di lavoro che sottendono una chiarificazione delle esigenze del paziente.

I pazienti che avvertono i disturbi come degli elementi intrusivi e destabilizzanti il vivere quotidiano e che desiderano ritrovare un equilibrio precedente, vengono da me trattati con una PSICOTERAPIA DI TIPO FOCALE, ovvero una Psicoterapia che si ORIENTA sul sintomo, e che permette di evidenziare il “come” ed “il perché” il disturbo si e’ manifestato. Questo tipo di intervento di solito viene svolto attraverso un periodo medio-breve (dai 6 mesi ad 1 anno) ed ha come scopo quello di far ritrovare al paziente una nuova forma soddisfacente con il proprio vivere quotidiano.

L’altra modalità di lavoro  è incentrata sulla Psicoterapia Psicoanalitica o sulla Psicoanalisi. Tale modalità  può essere utilizzata per quei pazienti che si accorgono che i loro “sintomi” hanno come sottofondo delle problematiche generali che riguardano la loro vita. Tali metodologie di intervento permettono l’esplorazione e il cambiamento degli aspetti “PROFONDI” della personalità e dunque presuppongono un azione più ampia rispetto alla terapia FOCALE che mira alla risoluzione o all’accomodamento sintomatico.

 

Psicologia dell’Adolescenza:

Molto spesso il passaggio dall’essere bambino/a al passaggio nel divenire adolescente può essere motivo di problematiche psicologiche anche importanti.

Per quanto riguarda le giovani ragazze (12 anni-20 anni circa) spesso può accadere che si evidenzino problematiche con l’alimentazione (Disturbi Alimentari come ANORESSIA, BULIMIA, OBESITA’), oppure problematiche nell’accettazione delle proprie FORME CORPOREE. Il disagio della femminilità e dell’accettazione di sè possono portare a isolamento e a problematiche di tipo relazionale.

Per quanto riguarda i giovani ragazzi (12 anni-20 anni circa) spesso può accadere che le trasformazioni corporee e l’importanza dell’accettazione degli altri spingano i ragazzi a fare delle esperienze pericolose. E’ in questo periodo che i giovani possono incontrare “LE SOSTENZE STUPEFACENTI” (come Eroina, Cocaina, Cannabis), oppure possono essere coinvolti in varie forme di dipendenza (Quelle da gioco, Internet, VideoGiochi).

Con gli adolescenti il mio intervento si rivolge ad una preliminare chirificazione delle problematiche che avviene con uno o più incontri con i genitori, poi una volta “evidenziata” la problematica si tratta di COINVOLGERE il ragazzo o la ragazza all’interno di un percorso di cura che deve avere il carattere della flessibilità e che possa essere il più possibile ritaglitato sulle esigenze personali (dell’adolescente) e famigliari.

 

Psicologia dell’Infanzia:

Può capitare che un bambino o una bambina in età pediatrica possa sviluppare delle problematiche anche importanti.

I problemi con l’Alimentazione, l’Enuresi notturna, i Terrori Notturni, la difficoltà nel Dormire da Soli, l’Iperattività, la Dipendenza da Video Giochi, le problematiche di Socializzazione e dell’Apprendimento, possono essere solo alcune delle sintomatologie più diffuse nell’infanzia.

Per trattare questo tipo di problematiche è necessario mettere a fuoco le sintomatologie che compaiono attraverso uno o più colloqui con la famiglia. Solo in un secondo momento, una volta rilevato ” il problema “, sarà possibile iniziare un trattamento del bambino/a  che nel mio modo di lavorare utlizza  LA TECNICA DEL “GIOCO”.Solo attraverso il gioco si potrà creare una relazione di fiducia la quale diventa una base indispensabile per ricostruire le origini della sintomatologia ed avviare quelle modifiche relazionali che porteranno al possibile superamento della problematica presentata.